vai al contenuto. vai al menu principale.

Il comune di Pont Canavese appartiene a: Regione Piemonte - Città metropolitana di Torino

Collegamenti ai social networks

Seguici su

Tra l'Orco e la Soana

Nome Descrizione
Titolo Cinquanta Borgate e un Paesaggio da scoprire
Il territorio comunale di Pont Canavese si estende su una superficie di quasi venti chilometri quadrati, con un divario altimetrico tra la quota più bassa, i circa 440 metri di loc. Voira, e quella più alta, i 1.921 mt. dell'Uja di Ingria, di quasi millecinquecento metri.
Un territorio che si insinua per alcuni chilometri in Valle Soana, tanto che l'ultimo tratto del torrente Verdassa, che nasce dal "mitico" lago della Miunda e bagna il vallone di Codebiùl, prima di confluire nel torrente Soana scorre nel Comune di Pont, i cui confini amministrativi si fermano a sole poche centinaia di metri dallo stesso capoluogo di Ingria.
Anche sul lato dell'altopiano frassinettese il territorio sotto la giurisdizione del Comune di Pont congloba sia il lato destro che quello sinistro orografico del torrente Soana, compresa tutta la bassa valle del Rio Bigio, e sale fin quasi a mille metri di altitudine sfiorando anche qui per poche centinaia di metri il capoluogo di Frassinetto, attestandosi poi sulla dorsale tra Fontanarossa (Funtana Ru-sa) e Canteletto (Cantlët).
Sul lato di Alpette, Comune che fino a tre secoli or sono faceva anch'egli parte integrante di Pont, resta all'interno del territorio pontese la sola borgata Formiero (Furmièr) , a quota di circa 800 metri, mentre poi il confine comunale scende a lambire le rive del torrente Orco e sale verso Sparone sfiorandone la borgata Torre e quindi, dalla cascata del Pissùn 'd Fraciàm delle Fasane, sale quasi verticale fino ai 1.879 metri della Punta d'Arbella, e da qui, lungo il costone che separa la valle Soana da quella di Ribordone, raggiunge il suo punto più elevato all'Uja di Ingria (1.921 mt.), dove si uniscono i confini di quattro Comuni (Pont, Ingria, Ribordone e Ronco Canavese). Già questo sommario "viaggio" lungo i confini del territorio comunale pontese, credo faccia comprendere appieno la vastità, la complessità e l'importanza del territorio montano del paese posto all'imbocco delle valli Orco e Soana, il quale, come abbiamo visto, ha ben salde "radici" piantate nelle ultime propaggini alpine del massiccio del Gran Paradiso.
Ed innumerevoli sono le borgate sparse su questo vasto territorio, molte delle quali oggi purtroppo non più abitate in modo permanente e, in alcuni casi, completamente abbandonate e non più raggiungibili neppure per i sentieri, come ad esempio la borgata Parìi.
Vediamo dunque di seguito , pur senza aver la pretesa di essere esaustivi, un elenco delle principali borgate pontesi.
In bassa valle Soana troviamo le frazioni pontesi di Frailino (Freilìn) (710 m.) ; Buttifinera (Bufinèra) (1.025 m.); Coppo (Cup) (917 m.); Panissera (Paniséra) (805 m.); Stroba (712 m.); Gea (775 m.) e Configliacco (Cunfigliè) (693 m.): cento anni fa questo gruppo di villaggi contava quasi trecento residenti e c'era, ancora in tempi più recenti, una scuola elementare in borgata Stroba, mentre oggi gli abitanti stabili sono rimasti una decina ed alcune borgate sono completamente abbandonate.
Salendo sulle pendici della Punta d'Arbella, verso Munt-Punt (la "montagna di Pont"), troviamo le borgate Bausano (Bausän) (692 m.) con le vicine Bausàn 'd sut e Moje dal Bausàn; Lutta (787 m.); Nicolè (Miculè) (947 m.) ed i quattro nuclei abitati che compongono la frazione Montpont (Munt-Punt) (Poetti (i Puèt) (1.000 m.), Viristelli (Viristéi) (1.060 m.), Vislario (Vislèr) (1.065 m.) e Campidoglio (Campiài) (1.120 m.): anche qui basti ricordare che solo le quattro borgate di Montpont un secolo fa contavano circa trecento abitanti, oggi ridotti ad una ventina, ma ancora negli anni settanta lassù funzionava, in un bell'edificio di borgata Puèt, la scuola elementare, dove veniva anche allestito un seggio elettorale.
Scavalcando alla chiesa dlà Madlèina la dorsale tra valle Soana e valle dell'Orco, troviamo su un terrazzo solatio, sospeso quattrocento metri più in alto del fondovalle, un gruppo di altre borgate pontesi, alcune delle quali completamente abbandonate come Planaria (Piazèra) (1.029 m.) e Ronco di Pont (i Runch 'd Punt) (1.083 m.), ed altre ancora parzialmente abitate come Pianasso (Pianàs) (888 m.) ed Arbiéra (721 m.) al confine con il Comune di Sparone, e soprattutto Piancerese (Pian Cerése) (957 m.), ed infine il nido d'aquila di Deirbianco (Dèir Bianch) (732 m.). Scendendo sulle rive del torrente Orco e tornando verso il capoluogo di Pont troviamo poi le frazioni Boetti (ij Buèt) (490 m.), Bisdonio (Bisdòne) (500 m.) al confine con il Comune di Alpette e, sull'altro lato del torrente, le Fasane (462 m.) e Pratidonio (Pratidòne) (450 m.) nella zona dei cosiddetti "prà dla féra" (prati della fiera).

Allegati

Link